Ex Ilva, Conte incontra Mittal: “Abbiamo obiettivi condivisi” – Repubblica.it


MILANO – Dopo le accuse e le repliche fissate nelle memorie presentate in Tribunale, un incontro ai massimi livelli utile a verificare che ci sono “obiettivi” condivisi e a dare “nuova linfa ai nostri negoziatori”. Così Giuseppe Conte ha descritto ai giornalisti che lo aspettavano di fronte all’ambasciata italiana a Londra l’esito di un colloquio avuto oggi a Londra con Lakshmi Mittal, numero uno di ArcelorMittal, dedicato al dossier dell’ex Ilva.

“Non dovete pensare che l’incontro sia stato per negoziare i dettagli” tecnici, però è stato “utile per ribadire le linee di fondo di questo negoziato”, ha precisato il premier.

Già, perché di negoziato bisogna parlare dopo che la multinazionale e i commissari dello stabilimento tarantino si sono scambiati accuse forti nelle memorie depositate al tribunale di Milano nel procedimento col quale i commissari chiedono al giudice di fermare l’addio del gruppo al polo siderurgico. L’ultima parola è spettata ad ArcelorMittal, che ha definito false le accuse di non aver “mai regolarmente adempiuto al contratto” e che tale “inadempimento si sia gradualmente accresciuto mano a mano che comprendeva la propria inabilità a gestire in modo economicamente efficace i rami d’azienda”. Non è stato “affatto depredato il magazzino per restituire un impianto privo delle materie prime necessarie ad assicurare la continuità produttiva” e le accuse del mancato rispetto degli obblighi previsti dal Piano Ambientale, di manutenzione ed “economici” sono ‘infondate’.
Ex Ilva,sit-in degli imprenditori dell’indotto: “Ritardi nei pagamenti, crediti per 30-40 milioni”
La causa riprenderà in Tribunale a Milano il prossimo 7 febbraio. Prima di quel giorno, però, ArcelorMittal e i commissari sperano di aver raggiunto l’accordo per rivitalizzare gli impianti e inaugurare l’era ‘green’. Se così non fosse, le parti saranno costrette a discutere in aula.

“Non dovete pensare che sia stato un incontro per negoziare i dettagli, però è stato un incontro utile per ribadire le linee strategiche di fondo di questo negoziato, ci siamo aggiornati”, ha spiegato Conte dopo l’incontro con Mittal, durato circa un’ora nella sede dell’ambasciata, dopo che il presidente del Consiglio aveva partecipato in mattinata con il premier britannico Boris Johnson all’evento di lancio della conferenza Onu sul clima CoP26 2020. “Ovviamente – ha proseguito Conte – ci sono i nostri rispettivi negoziatori e lo staff di legali che stanno lavorando, si sta definendo il piano industriale, si stanno anche creando anche le premesse per l’ingresso del pubblico, perché, come abbiamo detto, ci sarà anche un investimento pubblico”.
Ex Ilva, il premier Conte: “Massima priorità al cantiere Taranto, presto tornerò in città”
 “Il tema – ha osservato ancora Conte – è che il giorno 7 è prossimo: c’è l’udienza, quindi ci sono ancora dettagli”. “Non sono entrato nel dettaglio delle clausole – ha rimarcato -, però sicuramente ribadirci quali sono gli obiettivi, le strategie della negoziazione che stiamo portando avanti e ritrovarci a condividere degli obiettivi è stato importante e credo che questo offrirà anche ai nostri negoziatori nuova linfa e nuova energia per lavorare fino a notte fonda”.

“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo VerdelliABBONATI A REPUBBLICAArgomenti:ilvaArcelorMittal

di MARCO PATUCCHI

di GINO MARTINA

Source link