“Dammi la mano”, la foto dell’orango del Borneo che ci ricorda chi siamo

La mano protesa verso l’uomo immerso nell’acquitrino è di un orango del Borneo, ma il gesto è talmente umano che si fatica a non vederci un nostro simile. Così vicino a noi, l’orangutan, eppure così minacciato da secoli e secoli dalla nostra presenza, visto che la nostra impronta ha intaccato il suo habitat a tal punto che ora facciamo fatica a proteggerlo. A suggerire una lettura così toccante d’altronde è lo stesso autore, il fotografo Anil Prabhakar che su Instagram ha commentato: “Posso aiutarti? Quando muore l’umanità nell’essere umano, gli animali a volte guidano i nostri principi”. In migliaia hanno condiviso la foto, partecipando commossi a quello che la Natura ci offre e che, spesso, noi non abbiamo saputo difendere.

In realtà, non è chiaro se il primate stesse offrendo aiuto o chiedendo cibo, come ha spiegato Jamartin Sihite, direttore del Borneo Orangutan Survival Foundation dove le foto sono state scattate a settembre. Nel centro per la riabilitazione degli orangutan della provincia del Borneo Orientale ogni giorno 450 volontari aiutano le scimmie a vivere in libertà ma in una situazione protetta. Sono circa 650 oranghi salvati e sopravvissuti a traumi, rapimenti o ferimenti, che solo in rari casi possono essere reintrodotti nel loro habitat naturale, la foresta, dopo mesi o anni di riabilitazione.

Protagonista dello scatto è Syahrul, l’esemplare di 25 anni che si è avvicinato al custode che in quel momento era immerso fino alla vita nell’acqua per controllare che non ci fossero serpenti nascosti, tra i peggiori nemici dei primati. “Non me lo sarei mai aspettato”, ha detto Prabhakar alla Cnn raccontando di aver perso qualche istante per lo stupore prima di riuscire a catturare l’eccezionale sequenza.

Il custode non ha ricambiato il gesto, spiegando poi che si tratta pur sempre di animali allo stato selvatico, e quindi abbastanza imprevedibili da obbligare anche chi vive a contatto con loro a mantenere le distanze di sicurezza.

L’orangutan del Borneo, che in Asia si trova solo a Sumatra e nel Borneo, è stato classificato specie protetta dallo Iucn: nelle ultime tre generazioni si è visto ridurre la popolazione dell’80% a causa di bracconaggio, deforestazione e depauperamento dell’habitat. Se la foto di Anil Prabhakar continua a fare il giro del mondo forse è anche perché ci ricorda quel che potremmo fare nei confronti della Natura, da cui abbiamo preso tanto: tendere una mano a chi ha bisogno.


“La Repubblica si batterà sempre in difesa della libertà di informazione, per i suoi lettori e per tutti coloro che hanno a cuore i principi della democrazia e della convivenza civile”

Carlo Verdelli
ABBONATI A REPUBBLICA

Source link